SELFIE

premiato al Lussemburgo City Film Festival, in selezione ufficiale a Berlino 2019, acclamato a Buenos Aires, Madrid, Lecce, a Cinema du Rèeel, Sottodiciotto Film Festival, Le voci dell'inchiesta
Documentario (Italia/Francia); Regia: Agostino Ferrente (più volte premiato a Torino); Durata: 76'

Napoli, quartiere di Traiano. Inizialmente era destinato agli abitanti delle baraccopoli sul lungomare di Napoli, rimasto senzatetto dal dopoguerra. Ma presto divenne una specie di ghetto Alessandro e Pietro sono due adolescenti che si filmano con un iPhone per raccontare il loro difficile quartiere, la loro vita quotidiana, l’amicizia che li lega.
Raccontano anche della tragedia di Davide, un amico ucciso da un carabiniere al termine di un inseguimento, quando aveva quasi sedici anni, perché era stato scambiato per un fuggiasco. È successo a Davide, ma potrebbe capitare a uno di loro … Ecco perché il regista ha dato loro il suo cellulare, chiedendo loro di filmare loro stessi.
Un film fatto interamente di sguardi, che ricerca il linguaggio più adeguato e mimetico per raccontare una realtà che ormai si racconta da sé sui social con i protagonisti che si “specchiano” nel dispaly dello smartphone.
Un film tutto girato in “video-selfie” che racconta un mondo in cui diventare camorrista non è una scelta, ma un destino che ti viene incontro non appena sei nato e Alessandro e Pietro fanno di tutto per opporsi a questo destino, difendendo il desiderio di una vita normale.
Nei loro “auto” racconti emerge il rapporto tra padri e figli, fotografando un mondo interiore fortemente in contrasto con quell’immaginario alla Gomorra, diventato la nuova cartolina di Napoli, così dipinta con accanimento dai mass-media…

ORARI


Giorni e orari di programmazione al Nuovo Cinema Aquila validi fino a mercoledì 26/06/2019