INCONTRO CON IL REGISTA MARCO SANTARELLI ED IL CAST ARTISTICO DI SAMAD

INCONTRO CON IL REGISTA MARCO SANTARELLI ED IL CAST ARTISTICO DI SAMAD 2024-05-21T21:00:00-00:00

Martedì 21 Maggio al termine della proiezione delle 21 al Nuovo Cinema Aquila

INCONTRO CON IL REGISTA MARCO SANTARELLI
ED IL CAST ARTISTICO DI
SAMAD

In sala da Lunedì 13 Maggio grazie a Kavac Film e KIO Film, arriva a Roma la prima opera di finzione del documentarista Marco Santarelli. Martedì 21 Maggio al temine della proiezione al Nuovo Cinema Aquila l’autore incontrerà il pubblico presente. Modera la giornalista Michela Greco. Il film sarà programmato nella sala cara al quartiere Pigneto anche Lunedì 20 Maggio alle 19.00.

In una vicenda dal sapore shakespeariano, Samad, un giovane musulmano, è diviso tra il senso di colpa per una vita sbagliata e il desiderio di cambiare.

Prodotto da The Film Club e Kavac Film con Rai Cinema, con il contributo selettivo del Ministero della Cultura, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna attraverso Emilia-Romagna Film Commission, e di Regione Lazio Fondo Regionale per il cinema e l’audiovisivo, è distribuito da Kavac Film in collaborazione con KIO film. È sostenuto da Antigone, l’associazione che si batte per i diritti e le garanzie nel sistema penale, che accompagna il film nel suo percorso distributivo con proiezioni culturali all’interno delle carceri sull’intero territorio nazionale. Il brano di chiusura del film è “Casablanca” di Baby Gang.

SINOSSI
Samad (Mehdi Meskar) ce l’ha fatta. Ha pagato il suo conto con la giustizia e ora ha un lavoro, una nuova vita. Padre Agostino (Roberto Citran), suo amico e mentore, lo invita in carcere perché possa essere di ispirazione per i suoi compagni, come esempio di reinserimento, perché possa raccontare la nuova vita da uomo libero. Ma è la giornata sbagliata: una rissa fa esplodere la rabbia e il risentimento dei detenuti, che decidono di barricarsi nella biblioteca del carcere. Samad si troverà a dover scegliere chi essere: musulmano o cristiano, complice oppure ostaggio.

«SAMAD – dice il regista – nasce durante le riprese del mio secondo documentario in carcere: Dustur (Costituzione). L’idea mi è venuta filmando ore e ore d’incontri tra un volontario religioso di fede cattolica e un gruppo di detenuti musulmani, su temi legati ai principi della Costituzione italiana e delle Costituzioni arabe. Un confronto non facile, tra due mondi molto diversi, sconvolti dall’attentato alla sede del giornale satirico di Charlie Hebdo. È da qui che parte SAMAD, una visione sul tema della “sottomissione” e della radicalizzazione in carcere».

Il prezzo del biglietto è di 7 euro.

L’evento è promosso da Roma Culture. Informazioni e programmazione – www.cinemaaquila.it

  • ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Iscriviti alla nostra Newsletter

Film di oggi: 26/05/24

In programmazione

Prossimamente

Presto in sala